[ martedì, 5 agosto 2014 ]

La potatura delle rose

rosaTra le piante più belle da possedere nel proprio giardino, non possiamo fare a meno di citare la rosa: così delicata ed allo stesso tempo così rustica, si contraddistingue come una pianta tipica dei giardini italiani, che potrà impreziosire al meglio un angolo di relax o, perché no, creare una siepe per maggiore privacy.

Naturalmente, una pianta come questa ha bisogno di particolari attenzioni per quanto concerne la potatura della pianta, poiché in questo modo si è in grado di garantire un successivo sviluppo migliore e più rigoroso.

Quindi, armatevi di un buon paio di cesoie o forbici e potate in primis i rami che sono danneggiati e che, quindi, devono essere assolutamente esportati dalla pianta per non compromettere la crescita.

Dopodiché, passate all’eliminazione dei rami più deboli ovvero quelli maggiormente sottili e poi a quelli secchi o che comunque non avrebbero la forza di rifiorire ancora. Per garantire un buon sviluppo alla vostra pianta e una bella forma, è necessario eliminare i rami che tendono verso l’interno giacché in questo modo la vostra pianta si potrà sviluppare correttamente verso l’esterno .

Un altro accorgimento in merito alla potatura della pianta riguarda i polloni: in pratica, può capitare che alla base della pianta o del tronco della stessa rosa si sviluppano delle rose. Queste, infatti, possono rappresentare un pericolo per la stessa pianta, poiché la indeboliscono. Un’alternativa potrebbe essere quello di staccare il pollone dalla pianta madre, servendovi di una vanghetta, ma facendo comunque attenzione a non danneggiare l’interno arbusto della rosa. Con queste dritte sarete certi di far crescere una splendida pianta in giardino!

Tag: , ,


efiori

Consegna fiori in giornata

Ordina i tuoi fiori online
oppure chiama il
+(39) 02 00616844

© 2008 by 3B Srl - Tutti i diritti riservati | P. IVA 05621850964 | Sitemap 1 | Sitemap 2